FERMENTI CATTOLICI VIVI

"Andate controcorrente. Di quanti messaggi, soprattutto attraverso i mass media, voi siete destinatari! Siate vigilanti! Siate critici!" Benedetto XVI

  • Follow FERMENTI CATTOLICI VIVI on WordPress.com
  • Fermenti Cattolici Vivi


    Come i fermenti lattici vivi sono piccoli ma operosi e dinamici e pur essendo invisibili sono indispensabili alla vita, spero che questi "fermenti cattolici vivi" contribuiscano a risvegliare la gioia di essere cristiani.

    Segui il blog su canale Telegram https://t.me/fermenticattolicivivi

  • Fermenti recenti

  • Fermenti divisi per mese

  • Fermenti divisi in categorie

  • Disclaimer

    Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62/2001. Immagini e foto possono essere scaricate da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del Blog, che provvederà personalmente all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia.

    ______________

    SE PRELIEVI MATERIALE DAL BLOG, PER FAVORE CITA LA FONTE E IL LINK. CONFIDO NELLA TUA CORRETTEZZA!
    ______________

    IL BLOG E' CONSACRATO AL
    CUORE IMMACOLATO
    DI MARIA

  • Fermenti Cattolici Vivi è stato visitato

    • 1.346.797 volte

Lavorare a Kalighat è stata un’esperienza che ha cambiato la mia vita

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 17/04/2012

Testimonianza di Marissa Turner, Volontaria

Una delle suore mi aveva detto che in genere i volontari piangono due volte – il primo giorno di lavoro e l’ultimo. Questa affermazione era vera anche per me. Le prime lacrime furono di shock e incredulità, paura, dolore e impotenza. Le ultime furono di ringraziamento, bellezza, amicizia, distacco e amore. Lavorare a Kalighat è stata un’esperienza che ha cambiato la mia vita, e mi sento benedetta per aver speso tre mesi lavorando lì.

Lavoravo nel turno di mattina a Kalighat, che significava che c’erano un sacco di lavori domestici da fare. Panni e piatti da lavare, bagni da pulire, i pasti, le medicine – tutte queste cose dovevano essere fatte ogni giorno. In ognuna di queste cose c’era un gran senso di pace, semplicità e grazia; indipendentemente da quanto lavoro ci fosse da fare, tutte queste cose venivano regolarmente svolte. Le altre volontarie e le suore irradiavano gioia e amore in tutto quello che facevano, e prego sempre di riuscire a fare lo stesso. Il momento più speciale della giornata è quello in cui incontravamo gli altri pazienti. Che fosse un sorriso, un massaggio, o semplicemente sedersi vicino a loro, si veniva a formare un legame che trascendeva la lingua e la cultura. Un grande onore, probabilmente il più grande della mia vita è stato quello di assistere una donna durante il passaggio da questa vita. Provare a darle ogni conforto possibile e stare lì semplicemente perché non morisse da sola… non posso pensare a un onore più grande!

Insieme a tante benedizioni, a Kalighat ci sono state tante sfide. Testimoniare il dolore e la solitudine che sperimentano così tante donne giorno dopo giorno, non è stato affatto facile. Il mio cuore si spezzava ogniqualvolta un paziente cominciava a piangere o quando urlava nel suo corpo distrutto dal dolore. Non è facile avere a che fare con cose come queste quando capitano, ma queste esperienze sono parte della vita. Un’altra sfida è non essere capace di fare cose che vorresti fare per fermare la sofferenza. Se solo avessi avuto quella medicina o più tecnologia o più conoscenza di quella malattia o se solo avessi saputo la loro lingua o come fermare le ingiustizie perpetrate nei confronti delle donne, ma tutti noi abbiamo un legame eterno: siamo umani. Per cui facciamo del nostro meglio per servire la persona umana che è dentro ciascuno di noi!

Kalighat, soprattutto le sue donne, hanno cambiato la mia vita per sempre! Ho imparato che la vita è estremamente fragile e non deve essere data per scontata; sono stata umiliata molte volte, ho visto grandi atti d’amore  anche nel bel mezzo di estremi dolori e sofferenze. Ho realizzato che la povertà è un problema complesso e ho vissuto la vita al momento. So di aver ricevuto da Calcutta e Kalighat molto più di quanto abbia dato. Conserveranno entrambe un posto speciale nel mio cuore. (Fonte: http://www.motherteresa.org/layout.html traduzione personale)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: