FERMENTI CATTOLICI VIVI

"Andate controcorrente. Di quanti messaggi, soprattutto attraverso i mass media, voi siete destinatari! Siate vigilanti! Siate critici!" Benedetto XVI

IL MESE DI MAGGIO… COME UNA VOLTA

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 28/04/2012

Erano gli anni Ottanta e il numero dei cristiani normalmente praticanti (non i convertiti di oggi per una grazia particolare) era ancora consistente. Ricordo con emozione quando arrivava il mese di Maggio e Silvana, una “signorina” sulla sessantina, riceveva dal parroco dei Sacri Cuori di Gesù e Maria don Cesare, la statuina della Madonna di Lourdes per pregare il Rosario.

La statuina era in un cofanetto di legno che si apriva di fronte con due sportelli. Silvana tirava fuori la tovaglia migliore del suo corredo mai usato, toglieva la televisione e sul mobile allestiva un sobrio ma curato altarino per la statuina parrocchiale.

Senza possedere un blog né cellulari che non c’erano, ma senza neanche sentire il bisogno di usare il telefono che c’era, spargeva la voce per il condominio e la casa si riempiva di signore e bambini, ma anche di uomini che saltuariamente venivano a dire, timidamente, qualche decina del Rosario.

All’epoca i miei genitori non si erano ancora convertiti e mia madre non era ancora diventata il ministro straordinario dell’Eucaristia che poi avrebbe portato a Dio centinaia di malati degli ospedali romani. Ciononostante, da Silvana ci andavamo, magari non tutti i giorni, e per me, vedere la mia famiglia che pregava era un’emozione forte.

Quando Silvana apriva con rispetto reverenziale quasi infantile quel cofanetto verticale, provavo qualcosa di reale, attendevo con trepidazione e sentivo davvero quella presenza vera di Maria, che poi accantonai, insieme a tutta la fede, l’indomani della Cresima.

Ma questi semi mariani, che qualcuno aveva deposto nella mia infanzia, hanno portato i loro frutti, e forse grazie ad essi, più di quindici anni dopo accettai il viaggio a Medjugorje che mi avrebbe permesso di sperimentare che la santa Vergine è viva e reale.

Ora è raro trovare una Parrocchia che celebri il mese di Maggio, è difficile anche trovare delle pubblicazioni in merito, ma Maria ha il suo network e questa volta, tramite mia suocera Carla mi ha fatto arrivare, direttamente a casa, un libriccino stampato a Trento ben 97 anni fa. “Il Mese di Maggio, santificato con preghiere, suppliche, fioretti quotidiani in onore di Maria SS.ma”

È stato stampato nel 1915, ha uno stile che suona certamente un po’ retorico a noi uomini e donne del terzo millennio, ma sono fermamente convinto che abbia ancora molto da dirci e rari tesori da regalarci, ricordandoci parole che oggi suonano desuete come fioretto, virtù, supplica, ma che nascondono ricchezze spirituali da riscoprire.

Lo posterò in questo mese di Maggio 2012, chiedendo a chi legge lo sforzo di andare al di là dell’italiano un po’ obsoleto, della retorica di inizio Novecento, di alcune pratiche che possono sembrarci infantili, delle espressioni desuete, degli accenti sbagliati e dell’esagerazione di maiuscole reverenziali, per scoprire le chicche e le ricchezze semplici quanto profonde di una devozione che non c’è più.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: