FERMENTI CATTOLICI VIVI

"Andate controcorrente. Di quanti messaggi, soprattutto attraverso i mass media, voi siete destinatari! Siate vigilanti! Siate critici!" Benedetto XVI

Padre Massimiliano Kolbe: “Non dimenticate l’amore!”

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 13/08/2012

Massimiliano Kolbe nasce l’8 Gennaio 1894 non lontano da Losz,in Polonia e, affascinato da San Francesco d’Assisi entra nel convento dei francescani di Leopoli.

Innamorato della Madonna, nel bel mezzo della Prima Guerra Mondiale sogna una grande opera a servizio dell’Immacolata e così, per niente scoraggiato dai tempi difficili e dalla crisi internazionale, il 16 Ottobre 1917 fonda la Milizia dell’Immacolata con l’obiettivo della conversione e della santificazione degli uomini attraverso l’offerta incondizionata a Maria.

Nel 1927, grazie anche al grande sviluppo della Milizia fonda una strana città: NIEPOKALANÒW ossia Città dell’Immacolata, che costituì centro di vita religiosa con ottocento ferventi frati che operavano con ogni tipo di apostolato attraverso la stampa, la radio, il cinema, l’uso di aeroplani. Se fosse esistito internet avrebbero avuto i migliori siti.

Niepokalanòw è autonoma in tutto e, per risparmiare, padre Massimiliano stampa lui stesso la rivista. I primi giorni vengono usate le valigie come tavolini, sedendo per terra e dormendo sul pavimento in letti di paglia. Un giorno un aspirante frate meravigliato di vedere baracche e poveri mezzi riceve come risposta: “Se ami la Madonna, se apparterrai tutto a lei, sarai felice, figliolo, felice!”. Questa risposta, il sorriso raggiante del santo polacco contagiano quel giovane e molti altri.

La Provvidenza non delude e, in pochi anni Niepokalònow cresce; si aggiungono una redazione, una biblioteca, la tipografia, una stazione elettrica, un parco automobilistico e addirittura una stazione ferroviaria che la rendono autonoma in tutto.

Ogni frate ha il suo ruolo, assegnato “secondo le sue capacità intellettuali, psichiche, fisiche e la sua stessa preparazione”. Nel 1939 Niepokalònow ha la tipografia più grande d’Europa, per la diffusione della buona stampa. Unico scopo: diffondere la verità.

Non manca chi con tono provocatorio chiede apadre Massimiliano cosa penserebbe il poverello d’Assisi di tutto quel ben di Dio. La risposta è spiazzante:

Rimboccherebbe le maniche della sua tonaca, farebbe andare a tutta velocità le macchine(…) per diffondere la gloria di Dio e dell’Immacolata. Noi religiosi possiamo abitare baracche, girare con vesti rattoppate, nutrirci modestamente, ma le nostre macchine tipografiche, che servono a diffondere la Gloria di Dio, devonoessere le migliori e di ultimo modello.”

Ovunque tu scorga una struttura finalizzata a uno scopo, affermi giustamente che è stata la mano di un uomo, guidata dall’intelligenza, a compiere quell’opera, ad esempio una casa, un treno, un aereo o altro. Eppure un occhio umano è assai più perfetto del migliore degli aerei. Chi lo ha messo insieme? Non l’uomo. Chi dunque? Questa causa, ed è la prima causa, non prodotta da nessuno, noi la chiamiamo Dio.”

Il 24 Aprile 1930 padre Massimiliano con altri due confratelli esce dai confini polacchi e sbarca in Giappone e a Nagasaki fonda il primo numero di MUGENZAI NO SEJBO NO KISHI (Il Cavaliere dell’Immacolata). Il primo numero verrà distribuito in 10.000 copie. C’è da meravigliarsi se qualche anno più tardi il Male si accanirà particolarmente contro questa città?

Il 19 Settembre 1939 mentre viene arrestato dai tedeschi per essere trasportato in campo di concentramento lascia a Niepokalanòw la sua ultima frase:

“NON DIMENTICATE L’AMORE!”

Nel campo di sterminio di Auscwitz la mette in pratica. Ascoltando,confortando, confessando e aiutando tutti, incarna ciò che hainsegnato, stampato, predicato per una vita, fino all’ultimo, offrendo la propria in cambio di quella del padre di famiglia Francesco Gajowniczek. “Sono un sacerdote cattolico polacco, sono anziano, voglio prendere il suo posto perché ha moglie e figli”. Stranamente la proposta viene accettata e padre Massimiliano viene avviato al blocco 11 in cui si recherà pregando e col volto sereno.

Chi lo assassinerà il 14 Agosto 1941, vigilia dell’Assunzione di Maria non sa di realizzare la profezia di padre Massimiliano: “Vorrei essere come polvere, per viaggiare con il vento e raggiungere ogni parte del mondo e predicare la Buona Novella”.

Una Risposta to “Padre Massimiliano Kolbe: “Non dimenticate l’amore!””

  1. […] Iniziò con una manciata di frati e dopo una decina di anni ce ne erano più di mille! Con un gruppetto di confratelli arrivarono persinoin Giappone dove fondarono una casa nella città di Nagasaki! […]

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: