FERMENTI CATTOLICI VIVI

"Andate controcorrente. Di quanti messaggi, soprattutto attraverso i mass media, voi siete destinatari! Siate vigilanti! Siate critici!" Benedetto XVI

  • Follow FERMENTI CATTOLICI VIVI on WordPress.com
  • Fermenti Cattolici Vivi


    Come i fermenti lattici vivi sono piccoli ma operosi e dinamici e pur essendo invisibili sono indispensabili alla vita, spero che questi "fermenti cattolici vivi" contribuiscano a risvegliare la gioia di essere cristiani.

    Segui il blog su canale Telegram https://t.me/fermenticattolicivivi

  • Fermenti recenti

  • Fermenti divisi per mese

  • Fermenti divisi in categorie

  • Disclaimer

    Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62/2001. Immagini e foto possono essere scaricate da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del Blog, che provvederà personalmente all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia.

    ______________

    SE PRELIEVI MATERIALE DAL BLOG, PER FAVORE CITA LA FONTE E IL LINK. CONFIDO NELLA TUA CORRETTEZZA!
    ______________

    IL BLOG E' CONSACRATO AL
    CUORE IMMACOLATO
    DI MARIA

  • Fermenti Cattolici Vivi è stato visitato

    • 1.085.854 volte

“Sai almeno giocare a barra?”

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 02/10/2016

barraUn aneddoto della vita di San Giovanni Bosco che mostra cosa sia la PROMOZIONE UMANA: accogliere una persona da una situazione disagiata e “promuoverla” permettendogli di cogliere opportunità che nessuno gli offrirebbe mai.

Don Bosco vedeva Cristo nei ragazzi che vivevano in miseria e si rendeva suo strumento docile per salvarli, in tutte le maniere in cui potessero essere salvati.

Un giorno accompagnarono, per iniziativa del Conte Balbo [benefattore di don Bosco] presso il Santo [don Bosco, n.d.r.], nella speranza di affidarglielo, un ragazzo che l’estrema miseria aveva reso quasi idiota.

Don Bosco lo accarezzò e gli domandò che cosa sapeva. Il ragazzo, nelle risposte sconclusionate che diede, fece capire che non sapeva niente di nessuna cosa.

Don Bosco replicò: “Sai almeno giocare alla barra?”.

Don_Bosco_02Gli occhi dell’infelice ebbero un baleno di compiacenza. Allora il sacerdote, con l’aria di chi aveva fatto un acquisto prezioso, si rivolse ai presenti e disse con serietà: “Questo fa per me!”, e lo accettò.
Passarono parecchi anni quando al conte Balbo viene annunziata la visita di un salesiano dal nome a lui sconosciuto. Lo ricevette e si vide davanti un prete di bella presenza, di conversazione vivace e dall’aspetto pieno d’ingegno.

Questi disse: “Lei non mi riconosce: io sono quel ragazzo che nelle tali e tali circostanze fu accettato da don Bosco in casa sua a Nizza”.

In breve, don Bosco aveva letto bene nei lineamenti del povero ragazzo ed era riuscito a farne un uomo atto a reggere un collegio importantissimo.

(Fonte: Don Bosco e il soprannaturale, di Michele Molineris, ELLEDICI, pag. 170)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: