FERMENTI CATTOLICI VIVI

"Andate controcorrente. Di quanti messaggi, soprattutto attraverso i mass media, voi siete destinatari! Siate vigilanti! Siate critici!" Benedetto XVI

  • Follow FERMENTI CATTOLICI VIVI on WordPress.com
  • Fermenti Cattolici Vivi


    Come i fermenti lattici vivi sono piccoli ma operosi e dinamici e pur essendo invisibili sono indispensabili alla vita, spero che questi "fermenti cattolici vivi" contribuiscano a risvegliare la gioia di essere cristiani.

    Segui il blog su canale Telegram https://t.me/fermenticattolicivivi

  • Fermenti recenti

  • Fermenti divisi per mese

  • Fermenti divisi in categorie

  • Disclaimer

    Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62/2001. Immagini e foto possono essere scaricate da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del Blog, che provvederà personalmente all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia.

    ______________

    SE PRELIEVI MATERIALE DAL BLOG, PER FAVORE CITA LA FONTE E IL LINK. CONFIDO NELLA TUA CORRETTEZZA!
    ______________

    IL BLOG E' CONSACRATO AL
    CUORE IMMACOLATO
    DI MARIA

  • Fermenti Cattolici Vivi è stato visitato

    • 1.085.855 volte

Il segno di Nagasaki

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 08/08/2018

Quando la bonba atomica “Fat Boy” (ragazzo grasso) quel 9 agosto del 1945 devastò Nagasaki, uno degli edifici ridotti in macerie era la cattedrale della città di Urakami, una delle più grandi cattedrali dell’Asia di quel tempo.

il bagliore accecante dell’esplosione nucleare che avrebbe annientato più di 70000 vite nella città, sconquassò le vetrate della chiesa, abbatté le sue mura, bruciò il suo altare e sciolse la sua campana di ferro.

Ma avvenne ciò che i fedeli poi definirono un miracolo; rinvennero la testa di una statua lignea della vergine Maria, statua superstite tra le colonne crollate, e i detriti bruciati della chiesa romanica ridotta in macerie il 9 agosto 1945.

L’apparizione dell’icona religiosa devastata dalla guerra era inquietante; degli occhi della Madonna non erano rimaste che delle cavità nere, la guancia destra era carbonizzata, e una fessura si faceva strada come una lacrima stridente sul suo volto.

Il resto della statua trovò dimora nella nuova chiesa dedicata a Santa Maria, che venne presto ricostruita a soli cinquecento metri dal “ground zero” della bomba.

(Tradotto dall’ingelse da: https://dirkdeklein.net/)

Un segno portentoso che ci viene donato per rafforzare la nostra fede, per dirci anche nelle più assurde e crudeli tragedie della follia umana, Dio non resta a guardare dall’alto della sua infinita lontananza ma c’è dentro, soffrendo con gli innocenti.

Per ricordare, affidare, e se Dio ne concede la grazia, perdonare.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: