FERMENTI CATTOLICI VIVI

"Andate controcorrente. Di quanti messaggi, soprattutto attraverso i mass media, voi siete destinatari! Siate vigilanti! Siate critici!" Benedetto XVI

  • Follow FERMENTI CATTOLICI VIVI on WordPress.com
  • Fermenti Cattolici Vivi


    Come i fermenti lattici vivi sono piccoli ma operosi e dinamici e pur essendo invisibili sono indispensabili alla vita, spero che questi "fermenti cattolici vivi" contribuiscano a risvegliare la gioia di essere cristiani.

    Segui il blog su canale Telegram https://t.me/fermenticattolicivivi

  • Fermenti recenti

  • Fermenti divisi per mese

  • Fermenti divisi in categorie

  • Disclaimer

    Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62/2001. Immagini e foto possono essere scaricate da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del Blog, che provvederà personalmente all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia.

    ______________

    SE PRELIEVI MATERIALE DAL BLOG, PER FAVORE CITA LA FONTE E IL LINK. CONFIDO NELLA TUA CORRETTEZZA!
    ______________

    IL BLOG E' CONSACRATO AL
    CUORE IMMACOLATO
    DI MARIA

  • Fermenti Cattolici Vivi è stato visitato

    • 1.057.510 volte

Posts Tagged ‘droga’

«La mia vita era un fallimento: Gesù Cristo ha colmato quel senso di vuoto che avevo.»

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 19/07/2018

Lorenzo della comunità Nuovi Orizzonti racconta con una sincerità e un’onestà disarmanti, la sua storia di conversione.

 

Posted in Testimonianze | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment »

“Mi sentivo una pedina fuori gioco – Io non avuto coraggio, è stato Dio che ha avuto coraggio e ha guardato verso di me”

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 16/10/2015

L’incredibile storia del cantante Shoek che ha cambiato la sua vita grazie alla fede

Sono nato a San Patrignano perché i miei genitori erano tutti e due con problemi di droga. Mamma non volle abortire perché sia papà che lei videro in me una speranza.

Avevo tre anni, mia madre decise di abbandonarmi, quando vide che da me non ricavava soldi, mi lasciò in mezzo a una strada. Chiamò mio padre dicendogli di venirmi a prendere perché per lei ero diventato un peso.

Mio papà non aveva mai ricevuto amore dai suoi… Il suo modo per dimostrarmi amore era di portarmi nei locali. Per me era normale vedere spogliarelli, risse…

Mi facevo grande a scuola: io non vedo i cartoni animati ma le ragazze che si spogliano. In realtà volevo dormire a casa dell’amichetto, guardare il cartone animato…

Mi sentivo una pedina fuori gioco, mi sentivo che non servivo a niente in questa vita.

Crescendo… Ero un ragazzo insopportabile, odiavo me stesso. La vita mi faceva letteralmente schifo.

Iniziai a cercare Dio: OK, se esisti veramente, ho bisogno di capire perché ho una mamma così e perché mio papà per la droga è malato e può morire da un momento all’altro? Se veramente esisti dove sei? Avevo quattordici anni.

Mia madre mi offriva la droga. Quello che mi dava non era quello che desideravo ma mi sembrava che io avessi una mamma. Facevo finta che per un attimo potevo stare bene.

Mi cercavo la vita nella strada, dormivo di là, di qua, vivevo con una ragazza finché non mi sbatteva fuori… Amici veri non ne avevo.

Continuavo a sfidare Dio. Andavo nelle chiese e bestemmiavo, fino a che il prete non mi sbatteva fuori. In quel preciso momento Dio ascoltò, o meglio, io ascoltai. Una ragazzina credente, sul pulman,ogni giorno mi guardava. Stavo leggendo un libro di Marilyn Manson. Lei mi disse: “Ma lo sai che Gesù ti ama?”

Insisteva ogni giorno… Le dicevo si smetterla… Lei mi diede un biglietto! Se non posso parlòarti comincerò a scriverti che Gesù ti ama.

Leggevo la Bibbia. Quando non capivo chiedevo a lei, lei spiegava e toccava il mio cuore, fino a quando lessi Matteo 9, Gesù che si sedeva coi pubblicani e i peccatori – io sono venuto per i malati… Sentii l’abbraccio di Dio e un amore che non avevo mai sentito.

Signore, io voglio lavorare per te ma non so predicare, so fare musica…e così canto che no è finita, che c’è ancora una speranza, i problemi ci sono ma Dio è più grande dei nostri problemi.

Posted in Attualità, missioni, Testimonianze | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments »

“Andare a Medjugorje? Ne avevo sentito parlare e la consideravo una truffa pubblicitaria”

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 08/11/2014

Marco. Sesso, alcool, droga, Medjugorje e la nuova vita in Dio.

38 minuti e 29 secondi.

Tanto dura questo video.

Prendeteveli, ne varrà la pena.

Prendetevi 38 minuti e 29 secondi per ascoltare questa testimonianza forte, autentica di un giovane uomo che le ha provate davvero tutte e che a Medjugorje, con delle dinamiche che solo una Madre può mettere in pratica, ha incontrato Dio e ritrovato la pace.

Posted in Storie da Medjugorje, Testimonianze | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments »

Fra Daniele, dalla droga a Cristo, risanato dopo aver toccato… Gesù

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 11/04/2014

Dalla droga a Cristo, dopo aver sperimentato la guarigione dalla tossicodipendenza durante un’adorazione eucaristica. 

La bella storia di fede, guarigione e vocazionale di frate Daniele

 

Una vita segnata dalla sofferenza, una sofferenza che però nella nostra famiglia si è rivelata pedagogica, non fine a se stessa ma una sofferenza che accolta nella fede ha preparato i nostri cuori ad accogliere il mistero.

Maria ha riportato mia madre a Gesù. E Gesù le ha dato la forza di stare nella situazione in cui si trovava.

Iniziai a bere, a fare uso di sostanze stupefacenti leggere, fino a finire con le droghe pesanti e a diventare tossicodipendente.

Mia madre anziché detestarmi, mi incoraggiò, mi amò così come ero e lei, che aveva fatto esperienza di Gesù che salva, che ha l’ultima parola sulla morte, mi invitò a chiedere aiuto a lui e anche ad andare al SERT e assumere farmaci per l’astinenza.

Il 25 novembre del 2006, ero a una due giorni di convegno del Rinnovamento nello Spirito, era la solennità di Cristo Re dell’Universo. MEsi prima mia madre mi aveva invitato a chiedere a Gesù di farsi conoscere da me.

“Il male che oggi attrae i giovani e che propone felicità apparenti” era il tema delle catechesi del convegno. Rimasi colpito dalle parole di un frate, sembrava che gli avessi raccontato la mia storia, rileggeva il mio vissuto.

Le attrattive del mondo danno una felicità apaprente ma poi conducono a sperimentare nel cuore una grande amarezza. Il potere, la droga, il sesso, l’alcol. Il male mira a distruggere il nostro corpo che è il luogo abitato da Dio e attraverso cui possiamo fare esperienza di Dio nella profondità del nostro cuore.

Io, l’orgoglioso, sentii l’esigenza di umiliarmi.

Un padre pregò su di me, mi benedisse e tornai al mio posto. ALl’adorazione, un padre con Gesù Eucarestia passò in mezzo alla folla che era di 600 persone. Gesù mi passò accanto, alle spalle, poi stava tornando verso l’altare, io sentii dentro di me il desiderio di andare a toccarlo. Andai, da dietro lo toccai e tornai al mio posto.
Il giorno dopo non presi il metadone e mi resi conto di non avere più crisi di astinenza, mi resi conto di essere stato guarito da quella Parola…

Perché?

Come l’emorroissa toccò il mantello di Gesù… E’ un po’ quello che ho vissuto io, risanato dopo aver toccato Gesù.

 

Posted in Attualità, Testimonianze | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »