FERMENTI CATTOLICI VIVI

"Andate controcorrente. Di quanti messaggi, soprattutto attraverso i mass media, voi siete destinatari! Siate vigilanti! Siate critici!" Benedetto XVI

  • Follow FERMENTI CATTOLICI VIVI on WordPress.com
  • Fermenti Cattolici Vivi


    Come i fermenti lattici vivi sono piccoli ma operosi e dinamici e pur essendo invisibili sono indispensabili alla vita, spero che questi "fermenti cattolici vivi" contribuiscano a risvegliare la gioia di essere cristiani.

    Segui il blog su canale Telegram https://t.me/fermenticattolicivivi

  • Fermenti recenti

  • Fermenti divisi per mese

  • Fermenti divisi in categorie

  • Disclaimer

    Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62/2001. Immagini e foto possono essere scaricate da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del Blog, che provvederà personalmente all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia.

    ______________

    SE PRELIEVI MATERIALE DAL BLOG, PER FAVORE CITA LA FONTE E IL LINK. CONFIDO NELLA TUA CORRETTEZZA!
    ______________

    IL BLOG E' CONSACRATO AL
    CUORE IMMACOLATO
    DI MARIA

  • Fermenti Cattolici Vivi è stato visitato

    • 1.316.567 volte

Posts Tagged ‘matrimonio omosessuale’

«Allora vuoi fare il ‘mariuolo e o buciard’»

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 22/10/2020

L’avvocato Antonio Pandiscia, storico legale dell’Ordine nazionale dei giornalisti, popolare e amato volto della trasmissione televisiva ”I fatti vostri”, così raccontava uno dei suoi incontri con San Pio da Pietrelcina:

L’Avv. Pandiscia con San Pio

“All’inizio mi faceva quasi paura, aveva un fare un po’ burbero che infondeva timore. Ma poi ci capimmo a vicenda. Tra i tanti aneddoti, ricordo che, finito il liceo, mi chiese: ‘Che vuoi fare da grande’? Io gli risposi: ‘l’avvocato e il giornalista.’ E lui sapete cosa mi disse? ‘Allora vuoi fare il ‘mariuolo (ladro, ndr) e o buciard’“.

Questo aneddoto, letto qualche anno fa in un libro del celebre avvocato, mi è venuto in mente dopo aver letto tutto il putiferio suscitato da una serie di articoli di giornale che hanno preso un’intervista di Papa Francesco dello scorso anno, ne hanno estrapolato alcune frasi a effetto, ne hanno scelta una tagliandola ad arte e ne hanno fatto un titolo che ha fatto il giro del mondo.

Come nota il mio amico P. Cordova, «l’intervista è del 2019, ed è stata di fatto manipolata con taglia e incolla mirati (il video integrale è disponibile su YouTube). Nelle parti tagliate il Papa ribadisce ciò che ha sempre detto, ossia che di matrimonio e famiglia si può parlare solo tra uomo e donna.

Tuttavia, ed è giusto, precisa che gli omosessuali sono fratelli, che hanno diritto ad essere amati e tutelati se vogliono essere assistiti in ospedale da chi vogliono o lasciare i propri beni a chi vogliono. Ma non di più.

Ha ribadito con forza di custodire la dottrina cattolica. Parlando di «famiglia» si riferiva alla famiglia d’origine di un omosessuale e al diritto di essere in essa amato . Lo stesso Papa pare che non avesse comunque dato l’autorizzazione a diffondere alcune parti dell’intervista, proprio perché consapevole che potevano ingenerare confusione.

Addolora veramente come ieri TROPPI cattolici abbiano dato eco a chi ha tradito il Papa e diffuso falsità, credendo a quelle stesse testate accusate di parzialità su altri temi (ad esempio Covid). E’ questo un evidente ed oscuro segno di una grave (più o meno) latente divisione nella Chiesa, così come nella società. In questo periodo critico è ancora più grave.» (Pierluigi Cordova, dal suo account Facebook, col suo gentile permesso).

Come scrivevo in un post qualche tempo fa, non mi riconosco nei progressisti e nei tradizionalisti che litigano in rete, ma punto timidamente a far parte di quel piccolo resto che ama nella verità, pregando ogni giorno di non andare mai a ingrossare né le sue file, né quelle degli indifferenti. Che Dio mi aiuti!

Da quanto è accaduto ho capito che dovremmo pregare di più e meglio e riflettere tutti qualche minuto, prima di parlare e soprattutto di pubblicare post “di pancia” il cui frutto è solo scompiglio e divisione.

Per chi volesse approfondire consiglio questo articolo di Aleteia: La fake news sul Papa che giustifica le unioni civili

Posted in Attualità, Chiesa, Papa Francesco | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

“Rifiuto il fatto che qualsiasi persona sia ridotta a una parte di sé”

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 06/09/2015

Giorgio Ponte, professore di religione, cattolico, omosessuale, racconta con coraggio e onestà il suo rapporto con Dio e con la Chiesa

La verità è che io posso dire che proprio perché ho questo peso, questa fragilità, posso dire che veramente non esistono vite sfortunate, non c’è un’umanità che non sia chiamata a vita piena nella Chiesa, senza che ci si costruisca una Chiesa a propria misura.

Credere nello sguardo di Dio su di sé, noi siamo molto di più dei nostri errori, se mettiamo la nostra fragilità in mano a Lui, Lui ne può fare meraviglie.

…tante persone si sentono colpite ma non capiscono che non c’è nessun giudizio…

Quando il Papa ha detto – Chi sono io per giudicare un omosessuale – non si è fermato lì, ha detto un omosessuale che sta cercando Dio.

Sono stato sempre accolto nella Chiesa ma in verità. Quello che ho sperimentato io è bello ma so che sono stato fortunato.

Posted in Attualità, Testimonianze | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

“Io conosco una sola medicina che può salvare l’uomo dalla notte della ragione. La fede!”

Posted by fermenticattolicivivi@gmail.com su 19/06/2014


“Io conosco una sola medicina che può salvare l’uomo dalla notte della ragione. La fede!”
questa bella affermazione, è in un’intervista di “Eliseo del deserto“, una bella intervista rilasciata a Don Salvatore Lazzara che ho appena finito di leggere e che condivido appieno nei toni e nei contenuti.

Nei prossimi giorni il Parlamento italiano lavorerà sull’approvazione di una legge che tocca temi cari a tutto il popolo cattolico e non.

mano-in-preghiera

La “preghiera delle cinque dita” di Papa Francesco

In particolare oggi in Commissione Giustizia, in sede referente, si discuterà del disegno di legge Scalfarotto. Un disegno di legge che prevede la pena della reclusione da 1 a 4 anni per chi compie atti discriminatori “fondati sull’omofobia e sulla transfobia”.

Due termini molto vaghi che mettono a rischio la libertà di pensiero e la libertà personale di qualsiasi persona contraria al matrimonio tra omosessuali.

Ecco un link per approfondire gli aspetti non condivisibili del disegno di legge: http://www.lamanifpourtous.it/sitehome/materiale-informativo/tredici-motivi-per-dire-alla-legge-sullomofobia/

Si discuterà, inoltre, di alcuni disegni di legge sulle unioni civili tra omosessuali, che parificherebbero il regime giuridico del matrimonio tra uomo e donna alle unioni tra persone dello stesso sesso, compresa la disciplina sulle adozioni e sulla filiazione.

Chi avrà un’opinione diversa e la manifesterà, sarà perseguibile penalmente.

Il passo immediatamente successivo è quello della discussione in Assemblea, che si prospetta molto vicina…quindi preghiamo per il lavoro della Commissione e degli altri parlamentari, affinchè siano guidati dal buon senso e dalla retta coscienza.

Vi segnalo qui un’interessante intervista ad “Eliseo del deserto“, blogger omosessuale cattolico con argomenti profondi e intelligenti.

Una voce omosessuale, fuori dal coro e acutamente critica nei confronti del pensiero unico dominante e del decreto in corso di approvazione: http://eliseodeldeserto.blogspot.it/2014/02/intervista-eliseo-del-deserto-ddl.html

Posted in Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | 1 Comment »